(calcio-arbitri) NICCHI: "SI AGLI ARBITRI DI PORTA MA LA CAN DI A NON SI TOCCA"

La Gazzetta Dello Sport, 16 giugno 2012- by Maria Moroni

 

Il comitato nazionale dell’Aia si riunisce a Foligno.

E’ l’occasione per un bilancio della stagione. Soddisfatto il presidente Marcello Nicchi. “Tutti i campionati si sono svolti nella regolarità anche se è capitato di sbagliare- commenta Nicchi-. Dietro un errore c’è solo questo. Gli arbitri svolgono un lavoro di gruppo e quindi a raccogliere il risultato è sempre tutto il team.”

Come valutate gli errori commessi?

“Vogliamo migliorare sempre più ed è per questo che stiamo lavorando costantemente anche se, ahimè, qualche errore si commetterà ancora. Non siamo attenti al singolo episodio, ma valutiamo il complesso della situazione perché l’arbitro è parte integrante del gioco. Gli errori arbitrali sono molto diminuiti grazie ad una migliore preparazione atletica e competenza dei regolamenti.”

L’International Board si riunirà il 5 luglio a Zurigo e dovrà decider anche sull’ utilizzo dei giudici di porta nei campionati nazionali. Se dovesse arrivare il via libera?  

“ Non ci rimarrebbe che adeguarci, faremo quello che ci chiedono proprio perché noi siamo un’ associazione al servizio della Federazione. In concreto se dovesse arrivare il via libera bisogna riorganizzare tutto valutando anche i vari risvolti economici. Per quanto riguarda la Can A sicuramente non possiamo aumentare l’ organico di altre 20 persone perché ad ora non ci sono altri arbitri formati all’ altezza della situazione. ”

Il ritiro a Sportilia della Can A per quando è previsto?

“Inizierà il 28 luglio per terminare il 1 agosto”.

Il 22 giugno a Livorno si svolgerà la partita tra la nazionale Aia e quella cantanti. Perchè la scelta di creare una squadra?

“Anche noi vogliamo contribuire nella raccolta fondi per aiutare chi è in difficoltà. A conclusione delle celebrazioni del centenario dell’Aia si giocherà questa partita nel ricordo di Piermario Morosini. La partita servirà avrò lo scopo di raccogliere fondi per la onlus Agbalt, impegnata presso il reparto di oncologia pediatrica dell’ospedale di Pisa. Sarà la prima uscita ufficiale della nazionale Aia”.